venerdì 17 ottobre 2014

La Torta di pane e latte e la bellezza discreta della Val Vigezzo




Tempo fa abbiamo trascorso una bellissima vacanza in Val Vigezzo, le cime di questa valle ci hanno offerto sensazioni uniche. Dal fondovalle, terra di castagni, salgono e si estendono fitti boschi di faggi, abeti, pini, larici, lasciando intravedere qua e là pascoli, alpeggi, fresche cascatelle, pietraie e cascine che raccontano la vita dura del montanaro. Dalla sommità delle vette si spazia su paesaggi affascinanti con orizzonti vastissimi.
" Nell'incanto del tramonto o alle prime luci dell'alba si può spiare e cogliere il messaggio del silenzio,
dell'Infinito e ritrovare pienamente se stessi ".








La Valle è chiamata anche Valle dei Pittori per la sua illustre tradizione artistica e potrebbe anche essere definita " La Valle del tempo dipinto ",  infatti circa 113 meridiane fanno bella mostra di sè su edifici pubblici, parrocchiali, ville e dimore più modeste. 








Noi alloggiavamo in un grazioso B&B a Santa Maria Maggiore, il centro principale
della valle da cui partivamo ogni mattina per belle escursioni:

Il Monte Rosa








Le cascate del Toce








Il lago Moresco









Craveggia, il paese dei camini








l'alpe Campra








Nel tardo pomeriggio, quando rientravamo, bevevamo il tè nel bar del paese e poi visitavamo
ogni giorno uno dei tanti musei: il museo dell'Acqua di Colonia ( perchè vero che l'acqua è di Colonia ma è stata creata da un abitante del posto emigrato in Germania) il museo delle Belle Arti
e il museo dello Spazzacamino, infatti questo è anche conosciuto come il paese degli Spazzacamini
di cui ogni anno si tiene il raduno annuale...








Insomma la Val Vigezzo è davvero una terra dalle straordinarie attrattive che non solo rappresenta 
un capolavoro della natura per i suoi paesaggi e i suoi colori che hanno ispirato tanti grandi artisti ma 
quello che ancora oggi stupisce è la grande ingegnosità dei suoi abitanti.







Capolavori di alta gioielleria, finissime essenze profumate, tessuti dal disegno elegante,
lavorazioni in pietra e in legno realizzate da artisti dello scalpello sono nati dalle abili mani vigezzine.








In Val Vigezzo si possono ancora trovare antichi forni comunitari, mulini e frantoi.
La cucina tradizionale è ricca di sapori: polenta, formaggi, prosciutti aromatizzati e affumicati,
tutto da accompagnare con il famoso pane nero di Coimo.
E per chiudere la famosa " Torta di pane a latte " il cui profumo invadeva il B&B e le strade del paese
 fin dal mattino, profumo che ancora oggi, ogni volta che la preparo, mi riporta alla mente quella bella vacanza e manda in visibilio Cassandra che ne è una grande estimatrice.









Ingredienti


5 panini raffermi
1 litro di latte
zucchero
marsala
cannella
scorzette di arancia e limone
uvetta secca
1 uovo







Spezzettare il pane a lasciarlo a bagno nel latte fino a quando non lo avrà completamente assorbito.








Aggiungere tutti gli altri ingredienti e lasciar macerare per una mezz'ora abbondante.







Trascorso questo tempo mescolate bene il tutto






Mettete tutto in una tortiera foderata di carta per forno ed infornate in formo preriscaldato a 180°
per 45 minuti circa ( sarà pronta quando infilando il coltello al centro della torta
ne uscirà pulito senza fare " strisce " )







Come vedete è un dolce semplicissimo realizzato con pochi ingredienti e ha il buon
sapore delle cose di una volta, quando niente andava sprecato.
In Val Vigezzo questo dolce viene anche chiamato il " dolce dai sette ingredienti " proprio perchè, oltre al pane e al latte gli ingredienti sono 7.








Ho preso l'abitudine della Valle di servire questo dolce con la panna montata spolverata
con la cannella oppure con la panna e i mirtilli







Ricordo che la mia mamma ne faceva una versione un po' più " ricca " in cui aggiungeva qualche amaretto sbriciolato e del cacao amaro; ma, devo dire, che preferisco la versione originale.
Ogni volta che la preparo io e mio marito ci guardiamo e diciamo " C'è profumo di Santa maria Maggiore! "


















32 commenti:

  1. Wow! che post meraviglioso e che posto meraviglioso ;)! ti invidio tantissimo! Il paese è molto affascinante,adoro i luoghi di montagna, mi danno un senso di pace e tranquillità!
    Anche la torta sembra davvero squisita! ^^ Complimenti!
    A presto... Dream Teller

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Polly, questa è una vallata stupenda, una parte di Piemonte che amo tantissimo...e ti assicuro che la torta è squisita!
      Un abbraccio e buona settimana.
      Antonella

      Elimina
  2. Risposte
    1. Ciao Roberta, sono sicura che te ne innamoreresti anche tu!
      Antonella

      Elimina
  3. Ricetta sicuramente fantastica, specie col tuo tocco di panna e cannella.
    Da mangiare proprio nei posti, altrettanto fantastici, delle tue fotografie.
    Mamma mia, stupendi è dir poco!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Moz, sì, è un dolce fantastico, povero, un po' rustico, con tutto il sapore delle tradizioni di montagna...e facilissimo da realizzare, poi certo panna e cannella ci mettono del loro...
      Ti auguro una felice settimana.
      Antonella

      Elimina
  4. Ciao Antonella,
    mamma quanti posti incantevoli ;)
    La ricetta me la segno, mai assaggiato!! Sono davvero curiosa di sapere che sapore ha.
    Un abbraccione e buon week end

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello vero? la ricetta è da provare...sembra incredibile che da questi pochi ingredienti possa uscire un dolce cos' buono, certo, le mie ricette sono tutte ispirate alla tradizione, non è nulla di " grandioso " ma proprio per questo secondo me certi sapori diventano insuperabili.
      Un grande abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  5. Splendide foto Antonella come sempre e la torta di pane ha davvero un bell'aspetto!
    Sarà altrettanto buona...ne sono certo.

    Ciao e buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pino...tu la conosci la Val Vigezzo? E che dire? Secondo me la torta di pane è uno spettacolo di sapori...
      Ti auguro una felice settimana.
      Antonella

      Elimina
  6. bellissimo post. I luoghi sono magnifici: deliziosa la finestra con i gerani sul tetto d'arenaria.
    La ricetta semplice e gustosa del riciclo del pane... noi ci mettiamo anche frutta secca e pinoli.
    Buon fine settimana! Renata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Renata, quella foto piace molto anche a me...era la finestra che vedevo dal balconcino della mia camera in B&B ...la torta secondo me è buonissima e si possono aggiungere molti ingredienti, mia sorella ci mette le mele e se la fa in estate le pesche.
      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  7. Ciao!! che belle foto!!! Non conoscevo questi posti e neppure questa torta!! Grazie per averceli cosi ben illustrati!
    ...e per aver partecipato al contest estivo okanimali:
    CLICCA QUI
    che si è concluso, oggi il post.....:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve a tutti! Ecco, questo dolce potrebbe corrispondere alla mia idea di cibo per il mio B&B. Domanda ad Antonella. se dimezzo gli ingredienti viene ugualmente buona? Chiedo questo perché una torta così grande per i miei ospiti, che sono due o tre al massimo, alla volta, andrebbe sprecata, in quanto io dò sempre cose fresche... saluti a tutti e ai pelosetti! Emanuela L

      Elimina
    2. Ciao Fiore, grazie...è stato bellissimo partecipare al tuo contest estivo, ti ho inviato la mail.
      La torta provala...semplice e buona come le cose di una volta.
      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
    3. Emanuela, sono molto felice di vederti qui ( ti do del tu perchè qui non usiamo il lei! )...hai ragione al Quart de lune questa torta ci starebbe benissimo e puoi modificarla come vuoi, quando, in Val Vigezzo, ho avuto la ricetta mi hanno detto che andava dosata tutta ad occhio, dopo 2 o 3 tentativi ho capito che queste erano le dosi per la mia torta ma tu le puoi modificare come vuoi...ti consiglio di essere generosa con cannella e scorzette di limone e arancia. Un abbraccio e una coccola a Parsifal.
      Antonella

      Elimina
  8. Risposte
    1. Sì, sono delle vallate molte bella e ai loro piedi si estende il lago Maggiore, bellissimo!
      Ti auguro una buona settimana.
      Antonella

      Elimina
  9. Ciao Antonella.
    Hai fatto una gita bellissima.
    Le tue foto sono molto belle ed il tuo dolce facile da realizzare, dalla tua descrizione anche molto buono.
    Ti abbraccio mia cara, serena giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia, sì, il dolce è di facilissima realizzazione ed è il tipico dolce che ti porta un po' indietro nel tempo. Per quanto riguarda la Val Vigezzo è una delle valli piemontesi che preferisco.
      Baci e buona settimana.
      Antonella

      Elimina
  10. Sì, mi ricordo la Val Vigezzo! Ci andavo in gita da ragazza con i miei amici quando andavo in vacanza nell'Alto Vergante...ehm...circa una quarantina d'anni fa! Sob! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bei ricordi....che mantengono il cuore giovane!
      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  11. Bellissime foto e ottima ricetta.Ti auguro una buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cettina, sono posti forse poco conosciuti ma meravigliosi.
      Un abbraccio e buona settimana.
      Antonella

      Elimina
  12. Le tue foto sono molto belle. Non sono mai stata in questa valle, ma meriterebbe sicuramente. Quando i miei figli erano piccoli anch'io facevo una torta di pane simile, senza marsala, ma con amaretti e cacao, come la tua mamma. Buona domenica. Un abbraccio.
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola, davvero non ci sei mai stata? E pensare che è abbastanza vicino a casa nostra ed è una valle splendida...davvero da dipingere. La torta a me piace molto così semplice e casereccia oltre che il palato soddisfa il cuore.
      Un abbraccio e l'augurio di una serena settimana.
      Antonella

      Elimina
  13. Ho dimenticato di dirti che mi piace molto la grafica attuale del tuo Blog: è molto bella e si legge molto bene. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Girerò questi complimenti ad Audrey perchè è lei l'autrice della nuova grafica. Ti confesso che quando l'ho vista ho pensato a te e al fatto che mi avevi detto che avevi un po' di difficoltà con i colori e i caratteri del mio blog....l'ho immaginato che questo nuovo stile lo avresti apprezzato.
      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  14. Ciao
    uno dei post migliori letto la settimana scorsa.
    http://haylin-robbyroby.blogspot.it/2014/10/top-of-post-20-ottobre-2014.html

    RispondiElimina
  15. Ciao Roberta, ancora una volta grazie...sono davvero onorata di comparire così spesso sulla tua lista.
    Un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un caro saluto a te e coccole ai pelosetti.

      Elimina
  16. Che buona!!! Mi ha ricordato quella che faceva mia zia, la chiamava proprio pane e lach (in dialetto non so come si scrive) solo che ci metteva il cioccolato! Da leccarsi i baffi! :D

    RispondiElimina

Piemontesità

Piemontesità
" ...ma i veri viaggiatori partono per partire, s'allontanano come palloni, al loro destino mai cercano di sfuggire, e, senza sapere perchè, sempre dicono: Andiamo!..." ( C.Boudelaire da " Il viaggio")